Master Seminariale “Rigenerazione urbana sostenibile” 4a edizione

Master Seminariale

Rigenerazione urbana sostenibile

4ª edizione / 2020

Obiettivo

La rigenerazione urbana si arricchisce sempre più di nuovi temi, complessità e obiettivi e si rivela strumento capace di corrispondere alla dinamica evoluzione delle città. Il fattore determinante della sua efficacia si rivela essere l’integrazione di diversi approcci disciplinari, ognuno con propri strumenti e finalità, uniti da una comuni strategie e piani di azione. Pianificazione urbana, regole, sostenibilità economica, processi amministrativi, qualità ambientale, contrasto alle conseguenze del cambiamento del clima, mobilità diffusa, sensibilità sociale, comunicazione, sono alcuni tra i principali fattori che connotano la rigenerazione urbana contemporanea.
La quarta edizione del corso sulla Rigenerazione Urbana, organizzato da ISTAO – Area “Studi per il territorio e la città” – con Regione Marche, Anci, Autorità Portuale di Ancona e INU Marche, intende offrire il quadro più aggiornato dei princìpi, modelli, esperienze, governance che si stanno realizzando in Italia e nel Mondo.

Destinatari

Il corso si rivolge principalmente a:

  • “Responsabili degli uffici tecnici-urbanistici” degli EELL
  • “Professionisti”
  • “Neolaureati” nelle discipline dell’Ingegneria o dell’Architettura

Struttura

Preceduto da un seminario aperto di lancio dell’iniziativa, il percorso prevede due segmenti distinti, ma strettamente interconnessi. Ad una prima fase dedicata al trasferimento delle conoscenze e al confronto con relatori ed esperti sui temi oggetto del corso, seguirà una fase “applicativa”, in cui i partecipanti saranno supportati nello sviluppo di “prodotti/progetti utili”.

A. Ciclo di seminari (5 seminari di 4 ore)

La serie dei 5 seminari in programma rappresenterà l’occasione per un approfondimento delle conoscenze ed un confronto con docenti/esperti su altrettanti aspetti cruciali per l’attuale ruolo del governo del territorio.

B. Percorso laboratoriale (5 incontri)

Il percorso laboratoriale, facoltativo, offre l’opportunità, per i partecipanti, di contestualizzare le conoscenze acquisite durante i seminari rispetto ad un caso concreto di rigenerazione che, auspicabilmente, possa anche tradursi in ricadute utili per l’Ente di appartenenza.

Modalità di erogazione

Il corso si realizza interamente in remoto. I seminari avranno una durata di 4 ore (dalle 14.30 alle 18.30).
Gli iscritti a ciascun modulo o all’intero percorso saranno preventivamente invitati, mediante comunicazione di un link alla piattaforma di erogazione.
Per il percorso laboratoriale potranno essere programmate sessioni di lavoro in presenza, ma solo per piccoli numeri di partecipanti e sempre in ossequio delle disposizioni anti Covid vigenti.

Docenti

La conduzione di ciascun seminario sarà affidata a docenti ed esperti provenienti dal mondo accademico o professionale. La lezione sarà accompagnata dalla discussione di casi reali, con il coinvolgimento di testimoni.
Il Percorso laboratoriale sarà assistito da docenti/esperti individuati sulla base delle tematiche oggetto dei progetti da sviluppare.

Contenuti

Giovedì 26 novembre 2020
ore 14.30 – 18.30

LIVE su piattaforma zoom

Le infrastrutture blu sono l’infrastruttura paesaggistica su cui incentrare il progetto della nuova città pubblica che, attraverso le reti d’acqua ed il sistema di raccolta delle acque meteoriche, ha l’opportunità di creare spazi inclusivi, sicuri e ecologicamente orientati.
I fiumi come assi principali della rete ecologica, sono i catalizzatori per la riqualificazione dell’ecosistema urbano, una risorsa ambientale, culturale, sociale ed economica su cui investire per rendere gli spazi urbani di nuovo vivibili.
In Europa le infrastrutture blu sono al centro delle agende urbane, dei piani e dei programmi, sono il luogo di sperimentazione progettuale e di nuovi modelli di governance e di pratiche sociali ed economie innovative.

Programma

14.30
Vittorio Salmoni, Responsabile scientifico Area “Città e territorio” – ISTAO
Paola Cannavò, Docente di Urbanistica, Università della Calabria

17.00
Casi e testimonianze

18.00
Dibattito

[locandina pdf]

 

Giovedì 10 dicembre 2020
ore 14.30 – 18.30

LIVE su piattaforma zoom

I luoghi della Cultura, specie in epoca post Covid, rappresentano uno dei fattori cruciali dell’economia di una città, elementi di attrazione, confronto, disseminazione, socializzazione. Le più importanti città italiane hanno ripensato e rigenerato intere parti attorno ad un Museo, ad una sede di Fondazione Culturale. I borghi delle aree interne puntano sui luoghi della cultura per strutturare il proprio futuro. Oggi il loro ruolo urbano e territoriale si amplia, si diversifica sino ad assumere caratteri del tutto imprevisti.

Programma

14.30
Vittorio Salmoni, Responsabile scientifico Area “Città e territorio” – ISTAO
Oliviero Ponte di Pino, Direttore editoriale, scrittore

17.00
Casi e testimonianze
Andrée Ruth Shammah, Teatro Franco Parenti
Lorenza Baroncelli, Triennale Milano

18.00
Dibattito

[locandina pdf]

14 gennaio 2021

La mobilità dopo il Coronavirus: le città stanno riprendendo a funzionare, ma il trasporto pubblico di massa non riesce a soddisfare la domanda di mobilità a causa delle diffuse limitazioni e la mobilità su autoveicoli privati genera congestione e inquinamento atmosferico che si sta configurando come uno dei fattori che favorisce ulteriormente la diffusione del contagio. Per contro, è apparso evidente che esistono modalità di lavoro e di formazione che non richiedono di spostarsi da casa o almeno non lo richiedono sempre in via di principio. Si apre uno spazio strategico per la mobilità dolce, che le Amministrazioni possono consolidare e dilatare con opportuni provvedimenti.

28 gennaio 2021

All’aumento della densità urbana è indispensabile contrapporre lo sviluppo di ambiti naturalistici in città. I benefici non riguardano soltanto la diminuzione della pressione del costruito nei tessuti densi ma soprattutto i benefici microclimatici ed ambientali.

E’ possibile integrare l’architettura con il progetto di paesaggio, del verde e soprattutto concepire la pianificazione orientata verso priorità costituite dagli spazi vuoti, naturalistici e paesaggistici

11 febbraio 2021

La legislazione nazionale e regionale in materia urbanistica, edilizia, ambientale, paesaggistica e codice degli appalti subisce costantemente modifiche ed integrazioni spesso non coerenti comunque oggetto di interpretazioni. La legislazione regionale in materia urbanistica è datata e necessita di una radicale riforma

La legislazione dell’emergenza finalizzata alla ricostruzione può avere significativi margini di miglioramento per snellire le procedure per la realizzazione degli interventi

Costi e agevolazioni

  • Iscrizione all’intero percorso € 200
  • Iscrizione al laboratorio* € 100
  • Iscrizione al singolo modulo € 50

* Al Percorso Laboratoriale potranno iscriversi soltanto coloro che partecipano all’intero ciclo di seminari.

Sono previste le seguenti agevolazioni:
  • Riduzione del 50% per Partecipanti alle precedenti tre edizioni e del 25% per Soci Istao e INU Marche.

Accreditamento

L’Ordine degli architetti e l’Ordine degli ingegneri riconoscono rispettivamente 4 CFP a seminario.

Accreditamento

           
L’ordine degli architetti e l’Ordine degli ingegneri riconoscono rispettivamente 4 CFP a seminario.

Informazioni

Tel. 0712137011 – informa@istao.it