Le 6 competenze per diventare un ottimo responsabile della Supply Chain

Una visione globale della catena logistica pone l’azienda al centro di un insieme di flussi d’acquisto, di produzione e di vendita. Gestire una Supply Chain globale e le relative operations richiede nuove competenze.
Logisticaefficiente.it, organo di informazione e comunicazione sulla logistica e il supply chain management, ci aiuta a scoprirle.

1. Operations
Pianificare, gestire le risorse, implementare progetti di miglioramento e misurare le performance, sono competenze base. Oggi è necessario comprendere, definire e gestire il network distributivo. Si deve cioè individuare lo schema logistico – produttivo in grado di garantire un livello di servizio efficiente minimizzando i costi di produzione, magazzini, scorte, trasporti. Il Responsabile della Supply Chain deve saper dirigere processi, gestire risorse umane, tecnologiche ed economiche. Ambizione, competenze e forte sensibilità umana sono le chiavi del successo.

2. Finanza
Comprendere come le attività operative impattano sui profitti, ma soprattutto saper declinare le tecniche di controllo di gestione nell’area funzionale Supply Chain per comprendere le implicazioni economico finanziare dell’operatività logistico/produttiva e attivare un sistema di controllo teso al miglioramento continuo dei risultati. Sviluppare nuove competenze relativamente al processo “procure to pay”.

3. IT
Avere conoscenze informatiche che vadano oltre i tradizionali ERP in quanto modelli di network tecnologici e qualità dei dati saranno la chiave del successo.

4. Marketing
Saper veicolare un messaggio chiaro di eccellenza operativa, che porta valore in primis ai clienti e quindi agli azionisti.

5. Gestire le relazioni
Molti gli attori coinvolti, bisogna saper gestire relazioni complesse e progetti estesi cercando di capire dove avvengono i cambiamenti.

6. Innovazione
Saper costruire un ambiente di lavoro nel quale l’innovazione possa prosperare mettendo a sistema le capacità del team, le nuove tendenze e stimolando la creatività.

Scopri come il Master ISTAO in “Strategia e Management d’impresa” ti aiuta a sviluppare tali competenze per diventare leader in questo settore.

supply_chain_1

Perché lavorare nelle APL

Un mercato in crescita

Attori polifunzionali del mercato del lavoro, le Agenzie per il Lavoro sono una realtà in crescita, come conferma l’ultimo Outlook settoriale di Cerved, con un fatturato che nel 2014 ha raggiunto 6,7 miliardi di € e che per il 2015 si prevede in crescita.
Ma non cresce solo il fatturato, cresce anche il bisogno di specialisti da inserire nella gestione delle filiali.

Un lavoro dinamico

Chi lavora nelle APL deve saper soddisfare le richieste di soggetti diversi. Da un lato ci sono le attività per chi cerca un’occupazione, dall’altra i servizi rivolti alle imprese per favorirne la competitività.

Somministrazione, Ricerca e Selezione, Formazione e Ricollocamento professionale sono solo alcune delle attività svolte all’interno delle filiali.

Solida preparazione tecnica, buone competenze manageriali, flessibilità, intuito e capacità di cogliere, decodificare e soddisfare le esigenze dei clienti. Questi i principali requisiti richiesti per lavorare nelle Employment Agencies.

Per rispondere al bisogno di competenze specifiche delle Agenzie per il Lavoro, ISTAO ha riservato, all’interno del Master in People management & HR Business Partnering, un percorso dedicato agli Specialisti di APL. Per saperne di più, visita la pagina del Master.

Come avviare la propria carriera nel People Management

Sei laureato in Economia, Giurisprudenza o Scienze umanistiche e vorresti entrare in azienda occupandoti di People Management? Ecco perché il Master ISTAO, in partenza il 9 novembre 2015, è quello che fa per te.

Cosa imparerai a fare?
Attraverso attività didattiche, laboratori, progetti in azienda e stage, imparerai a conoscere l’impresa, il suo funzionamento e gli indicatori necessari a comprendere il business. Acquisirai gli strumenti legati all’analisi organizzativa, allo sviluppo e all’ottimizzazione dei processi; quelli connessi con gli aspetti amministrativi, giuridici ed economici della gestione HR. Approfondirai le competenze per acquisire, gestire e far crescere le risorse. Alla fine del corso sarai in grado di applicare le politiche e gli strumenti di People Management lavorando a contatto diretto con le altre funzioni aziendali e contribuendo al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Di cosa potrai occuparti al termine del Master?
Recruitment, Selection & Talent Acquisition, Payroll, Compensation & Benefits, Workforce Planning, HR Business Partnership, Amministrazione del personale, Relazioni industriali, Comunicazione interna, Sviluppo organizzativo. E queste sono solo alcune delle possibilità che ti aspettano una volta finito il Master.

people_management_1

Per saperne di più visita la pagina http://istao.it/master-in-people-management-hr-business/.

Dalla didattica 2.0 alla didattica relazionale

All’ISTAO si apprende producendo per cui via tablet, pc, lavagne interattive e spazio, invece, a pannelli, colori, post-it ma soprattutto spazio alle PERSONE, alle loro IDEE !

smi_2015-16

mpmhr_2015-16

 

In aula i docenti trasmettono contenuti di frontiera ma soprattutto cercano di ispirare, orientare e formare differentemente i nostri allievi.

L’approccio didattico dei corsnews_la_didattica_1i si basa su tecniche di facilitazione visiva e di progettazione partecipata, di gamestorming e attività ludiche, che pongono il lavoro del singolo e del gruppo al centro delle tematiche trattate, alzando il livello di partecipazione e il coinvolgimento da parte di ciascun partecipante.

In alcuni moduli didattici si privilegia l’uso del gioco creativo che, in un contesto formativo, permette il coinvolgimento diretto dei partecipanti, elimina l’ansia da prestazione, stimola le persone a mettersi alla prova, aiuta a fissare nella memoria quanto appreso.

Chi l’ha detto che le lezioni sono noiose!

 

Ecco come l’ISTAO ha cambiato la mia vita professionale

5 allievi raccontano la loro esperienza

Laura e Marco (Master in Strategia e Management d’Impresa – SMI – 2013/14), rispettivamente Junior ufficio acquisti e logistica presso FM – Architettura d’interni e T&M Engineer presso Faber Spa, parlano di come il Master abbia loro aperto la mente e come abbia rappresentato una “esperienza di vita” a 360°. Simone (SMI 13-14), ufficio marketing di Aerdorica, evidenzia come la metodologia didattica, che segue un percorso di “learning by doing”, riesca ad essere efficace e, a tratti, anche divertente.
Andrea (Master in Management delle Risorse Umane – HR 2012-13), HR specialist – Employer Branding & Selection presso Indesit Company, mette in luce come il Master permette di scoprire qualcosa di più su se stessi.
Infine Maria Laura (SMI 2011-12), Copywriter e collaboratrice presso Best Movie, racconta come in ISTAO ha scoperto che la passione, nel suo caso quella per il cinema, possa trasformarsi in lavoro.

Tutto questo è l’ISTAO e chi meglio dei nostri allievi può raccontarvelo?

 

Rugby e outdoor training: quali metafore per il management

L’oudoor training è la prima attività didattica interattiva che coinvolge i nostri corsiti fin dai primi giorni di Master. Tra le varie modalità di oudoor il Rugby è sicuramente una formula centrata e completa relativamente al profilo del manager oggi utile alle imprese. Da qualche anno Claudia Cavaliere e il suo team introduce in ISTAO al potenziale metaforico del Rugby per il lavoro manageriale in impresa.

La corsa alla meta è un processo che va anzitutto pre-visto (vision), finalizzato (strategia), velocemente pianificato (fast planning), attuato (ruoli e comportamenti), cambiato in corsa (velocità e adattamento), protetto (difesa e assistenza), portato a termine con vittoria (intelligenza pratica, emotività, velocità e leadership).

Ecco alcuni punti salienti della metafora Rugby e managerialità:

  • COMPETENZE INDIVIDUALI AL SERVIZIO DELLA SQUADRA
    Nel Rugby tutti i ruoli sono importanti e valorizzati, “servire” un compagno, voltarsi e lanciare a chi è rimasto indietro a “proteggere”, “tirare” in velocità alla meta, … il gioco è inventato e disegnato da tutti, nessuno escluso.
  • LEADERSHIP circolante
    Nel Rugby la leadership non è stabilita univocamente e in modo statico. La direzione di percorso e la strategia sono affidate di volta in volta a ruoli che cambiano, a seconda delle circostanze e delle eventualità, come è richiesto nei modelli più avanzati di organizzazione olonica. La scelta dei capitani è un vero e proprio esercizio di tattica, psicologia, analisi relazionale, razionalità ed emotività.
  • GIOCO PER SVILUPPARE CONSAPEVOLEZZA
    Nella partita si mettono in pratica le teorie, le regole, le tecniche e le soluzioni analizzate in aula e si acquista capacità di visione e pratica sul campo.
  • PENSARE FUORI DAGLI SCHEMI
    Nella pianificazione e programmazione necessarie all’organizzazione la capacità di “saltare fuori” e inventare percorsi e azioni innovative è oggi una competenza preziosa. In partita, nel Rugby, questa è la regola dominante.
  • “ORDINE” NEL “CAOS”
    Sul campo i singoli “pezzi” si ricompongono armonicamente come un in un caleidoscopio.
  • TERZO TEMPO
    Solo il Rugby contempla un momento di analisi dei risultati, confronto con l’avversario, riflessione per migliorare e celebrare come il “terzo tempo” , fondamentale per stimolare : motivazione, senso di appartenenza, valorizzazione e autostima.

Chi sono e da dove vengono i candidati ai Master ISTAO

Hanno in media 27 anni, la metà ha una laurea in Economia e Scienze Politiche. Non mancano poi candidati con Laurea in Lettere e Filosofia (12%), Giurisprudenza (11%) e Ingegneria (9%). Provengono per il 62candidati_master% dalle Marche, ma molti hanno studiato fuori regione e scelgono ISTAO per la specializzazione post laurea. E i candidati fuori regione? Vengono da Campania, Puglia, Abruzzo, Emilia, Umbria. I più lontani arrivano da Polonia, Repubblica Ceca, Egitto, Costa Rica, USA.
candidati_master_2Le ragioni per cui desiderano iniziare uno dei nostri percorsi? Al primo posto c’è il bisogno di acquisire nuove conoscenze e nuovi strumenti, segue la mancanza di esperienza necessaria per entrare nel mercato del lavoro e la necessità di una maggiore specializzazione professionale.
E quanti diventano allievi ISTAO? Al termine del processo di selezione, in media 1 candidato su 3 inizia uno dei Master ISTAO.

 

nota: dati ricavati dalle domande di partecipazione alle selezioni ricevute nel periodo 2010/15

Premiamo il merito

Nel corso dell’anno accademico 2014-2015 sono state messe a disposizione degli allievi un totale di 43 borse di studio: 12 per lo SMI, 14 per l’International, 8 per l’HR e 9 per il Marketing. Non solo: per la prima volta abbiamo promosso il programma BYF – Build Your Future, format che ha previsto il coinvolgimento di aziende partner già nelle fasi di selezione e che ha permesso ad allievi di talento di partecipare al Master in modo agevolato tramite l’assegnazione di una borsa.

premiamo_merito_1

Il prossimo anno accademico altre borse di studio saranno messe a disposizione e sarà riproposto il programma BYF nell’ambito del Master in People Management & HR Partnering con percorso di indirizzo per Specialisti di APL. Perché ISTAO premia il merito.

IstaoMaster_i-nuovi-manager

I nuovi manager per la nuova managerialità

Come insegnare la nuova managerialità?
  1. Togliere certezze, progettare l’impossibile
  2. Insegnare a essere Concreti e responsabili nelle azioni
  3. Vedere oltre: Visione allargata all’ambiente e al suo equilibrio socio economico e ambientale
  4. Esperinnovare: Prendere dall’esperienza di chi precede e lanciare nuovi percorsi per chi verrà
  5. Sviluppare il Coraggio di intraprendere da soli o in gruppo
  6. Vincere facendo rete
  7. Addestrarsi a riequilibrare forze, obiettivi risorse e idee
  8. Gestire la leadership propria e altrui
  9. Perseguire bellezza e innovazione

Questo è il DNA dei Master ISTAO: allievi, docenti, tutor e aziende partecipano al cambiamento e ridisegnano insieme la nuova managerialità!

Sai che c’è di nuovo?

sai-che_1

Sole, mare, montagna, riposo, relax… Tutti gli ingredienti per un’estate da sogno da vivere in compagnia.
Anche noi, il team ISTAO, saremo vicino a te offrendoti interessanti “assaggi” dell’anno che verrà.

Seguici e ti racconteremo i Master appena conclusi e le curiosità, la nostra metodologia che ti insegna a ”esperinnovare” e “progettare l’impossibile” (nei prossimi appuntamenti ti spiegheremo come), le numerose novità che stiamo preparando per il prossimo autunno. Sarà bello riscoprire alcuni nostri allievi che racconteranno l’ISTAO come: Esperienza di vita, Metodologia didattica innovativa, Orientamento e Passione.

Noi ce la stiamo mettendo tutta per iniziare il prossimo anno accademico ricco di stimolanti novità, Master rinnovati nei programmi e nella Faculty, eventi interessanti e coinvolgenti che stanno aspettando proprio te!

I nostri uffici resteranno chiusi fino al 21 agosto. Da lunedì 24, pieni di energia, riprenderemo le nostre postazioni e saremo lieti di raccontarti l’anno accademico che sta arrivando…